Marco Mantovanelli
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

BIO

Marco Mantovanelli

Distanziatore
 
Carriera musicale

Marco Mantovanelli vive a Caserta dove da sempre è impegnato attivamente e con grande successo sulla scena musicale territoriale e non solo. All’età di 19 anni entra come pianista e arrangiatore nella “’900 Big Band”, un’orchestra di ritmi moderni. L’esperienza nella “’900 Big Band” lo porta a collezionare tanti successi insieme all’incisione di numerosi CD tra cui uno inedito. Il successo della “’900 Big Band” porta Mantovanelli a partecipare al “Giffoni Film Festival”, a “Le Leuciane”, al “Festival di Ravello” e al “Pomigliano Jazz Festival”.

Musicista poliedrico e versatile, Mantovanelli grazie alla sua formazione artistica e al suo talento naturale vanta numerose partecipazioni e importanti collaborazioni, come quella con Claudia Koll per la quale compone vari brani. Viene scelto come pianista dell’orchestra che nel 2003 ha accompagnato il “Festival del Cabaret” di Vico Equense (NA), al quale hanno partecipato comici noti quali Antonio e Michele e Paolo Caiazza.

Mantovanelli non è solo un bravo arrangiatore, in quanto i suoi studi lo indirizzano anche alla composizione che gli regala tanti successi e soddisfazioni. Infatti nel 2008 compone e arrangia le musiche di scena dello spettacolo teatrale della compagnia Il CarrozzoneOgni anno punto e a capo”, per la regia di Ludovico Di Mauro, dirigendo (per l’occasione), l’orchestra che ha accompagnato lo spettacolo.

Dopo l’esperienza maturata nell’orchestra “’900 Big Band”, la sua attività musicale lo porta a fondare l’ensemble musicale “Accordi e Disaccordi”, con la quale vanta una preziosa collaborazione con Jenny B.: la stessa ensemble sarà scelta da Andrea Tidona, attore di successo tra i protagonisti de “La Vita è Bella” di Benigni, come gruppo musicale nello spettacolo teatrale “In America voglio andar… La mia vita lungo la strada” nel Foyer del Teatro Comunale “Costantino Parravano” di Caserta.

Le sue note hanno viaggiato per i palchi di tutta Europa da Caserta a Montecarlo, passando per Ginevra nel Teatro Du Leman fino a Montreux all’Auditorium Stravinsky. Infatti nel 2008 entra far parte degli “Swinging Cappuccino” come pianista e arrangiatore del gruppo, prendendo parte a numerosi festival internazionali in Francia, Canada e Svizzera, dove partecipa inoltre alla trasmissione televisiva di Alain Morisod sulla TSR1 (prima rete nazionale della Svizzera francese), insieme a Bobby Solo, I Platters, I Ricchi e Poveri, Drupi e Umberto Tozzi, conquistando così le copertine di numerose riviste internazionali (Jamboree, Jukebox, Var Martin).

Con il gruppo partecipa alla serata per TelethonBobby Solo and friends”, tenutasi nel Principato di Monaco. Sempre con gli Swinging Cappuccino incide “Swinging Affair” e il singolo “Il profumo del Fiore” dei quali cura personalmente gli arrangiamenti, brani che vantano numerosi passaggi radiofonici nelle radio svizzere e francesi
Ultimi lavori

Nel 2014 conosce l’attrice Elena Starace con la quale nasce un proficuo legame artistico, che porta Mantovanelli nel 2015 a comporre la colonna sonora del cortometraggio “Your Valentine” (scritto e interpretato dalla stessa attrice) per la regia di Marco Sommella. Un cortometraggio che affronta la tematica della violenza sulle donne con poesia e rigore, dove le più belle location di Caserta fanno da cornice ad una storia che guarda alla realtà, ma lo fa con uno sguardo shakespeariano.

Sempre per Elena Starace compone il brano che sarà colonna sonora durante la presentazione della sua opera prima “Anime Pezzentelle” (edito da Giulio Perrone nella collana L’Erudita) in una location d’eccezione come la Sala della Loggia del Maschio Angioino, alla presenza straordinaria di Salvatore Esposito (il famoso Genny Savastano di Gomorra).

Tra le ultime e importanti collaborazioni con l’attrice Elena Starace c’è la colonna sonora del cortometraggio “Uccia”, il corto prodotto dalla Sly Production di Silvestro Marino. La storia è quella di una donna che in un futuro non troppo lontano (il film è ambientato nel 2037) e in un clima di terrore e di soprusi in cui è precipitata la nostra regione, dovrà scegliere se cedere oppure no alla sete di vendetta.

Nel marzo del 2016 Marco Mantovanelli viene scelto da Rino Margiasso per curare gli arrangiamenti del suo spettacolo teatrale “Chi trase e chi esce”, andato in scena al Teatro Bolivar di Napoli.

Qualche mese più tardi invece è l’artista olandese Mirjam Appelhof che chiede al Mantovanelli di comporre la colonna sonora per i suoi video montati per la mostra fotografica presentata in Olanda, a Lucca, a Milano e Caserta.
È da annoverare inoltre la collaborazione con Adriano Morelli, per il quale Mantovanelli ha composto la colonna sonora del cortometraggio “Il nostro limite”, diretto dallo stesso Morelli e scritto con Elena Starace. Il corto racconta la storia di Luigi e Franco, due giovani ragazzi nati e cresciuti nel quartiere del mercato di Resina, che si amano segretamente ma sono costretti a vivere una bugia, condannandosi così ad una vita infelice.

 
Il concerto alla Reggia di Caserta

Nel settembre del 2016 Mantovanelli incide il suo primo album di piano solo dal titolo “La mia vita in bianco e nero”, edito dalla So Far Away di Bologna.

Si tratta di un album di otto tracce di freestyle piano, scritte e registrate di getto, contraddistinte dall’interpretazione e intrise dall’emozione del momento. Un album che può considerarsi fuori dai canoni della discografia pianistica moderna. Il progetto nasce dall’ incontro di due volontà, quella dell’artista e del suo produttore esecutivo ed artistico, Marco Mantovanelli Magliocca. Omonimi e cugini, hanno dato vita ad un album fuori dai canoni della discografia pianistica moderna seguendo solo il loro istinto e la loro voglia di far arte. Liberandosi da schemi mentali, strutture e tecnica, senza mai tralasciare dettagli e qualità. Basti pensare che il piano utilizzato da Mantovanelli è stato accordato a 432hz, scelta personale fortemente voluta e ricercata: la stessa vibrazione dell'universo che ci circonda in modo più intuitivo.

Al concerto alla Reggia sono seguite diverse partecipazioni importanti e altri concerti, come quello tenutosi nel marzo del 2017 presso il Teatro Don Bosco di Caserta e la Galleria Borbonica di Napoli e quello tenuto a Roma presso la Casa dell’Aviatore – Circolo Ufficiali Aeronautica Militare, in occasione della consegna delle onorificenze da parte del Principe Roberto Spreti Malmese Griffo Fogas di Cefalonia.

CONCORSI/AUDIZIONI/PREMIAZIONI:

  • Qualificazione al Festival Il Giullare per lo spettacolo “Il regalo rotto” di cui ha composto la colonna sonora.

  • Premio Internazionale “Città di CasertaArte Cultura e Spettacolo per la sezione Nuove Proposte.

  • Concorso presso il Teatro Ariston di SanremoJubil Music” diretto dal Maestro Aldo Fedele, al quale partecipa con la composizione del brano “Un solo cuore” che si classifica al quinto posto.

  • Premio nel 2005 al Concorso “Premio Nazionale Artemare” per la composizione del brano “Mare Clandestino”.
Distanziatore